Abruzzo, scrigno
verde d’Italia

Teatro del Circuito di Avezzano

Terra di parchi e boschi, di natura incontaminata, di borghi autentici. Da scoprire ed esplorare, rivivendo emozioni d’altri tempi a bordo di auto scoperte, percorrendo circa 190 chilometri di strade libere verso orizzonti mozzafiato.

Storia, cultura, tradizione e una grande ospitalità, raccontate da un’enogastronomia di alto livello.
Una danza di profumi, sapori, vibrazioni per vivere insieme l’incanto di una terra meravigliosa.

Abruzzo, scrigno
verde d’Italia

Teatro del Circuito di Avezzano

Terra di parchi e boschi, di natura incontaminata, di borghi autentici. Da scoprire ed esplorare, rivivendo emozioni d’altri tempi a bordo di auto scoperte, percorrendo circa 190 chilometri di strade libere verso orizzonti mozzafiato.

Storia, cultura, tradizione e una grande ospitalità, raccontate da un’enogastronomia di alto livello.
Una danza di profumi, sapori, vibrazioni per vivere insieme l’incanto di una terra meravigliosa.

Tre giorni di storia, arte, natura e motori antichi

Un’esperienza unica per scoprire l’anima di una Regione speciale.
Un crescendo di emozioni che vi porterà, giorno dopo giorno, ad entrare in confidenza con regione meravigliosa e ospitale che si svelerà pian piano, fino ad esplodere in un gran finale da brividi: il circuito cittadino in notturna!

Programma

VENERDI 02

LUGLIO

Da Alba Fucens ad Avezzano

  • Ore 11:00- 14:00 Verifiche Tecniche Hotel Olimpia
    Ore 15:00 ALBA FUCENS – Rappresentazione Storica a cura di “Romanitas”
    Ore 16:00 Partenza prima autovettura del 9° Circuito di Avezzano, Piazza della
    Scuola – Alba Fucens
    Ore 16:30. Prove di Abilità- Aviosuperfice “I Picchi”
    Ore 17:00 Aielli – Borgo Universo – visita guidata alla scoperta del Paese dei
    Murales
    Ore 19:00 Partenza prima autovettura per Rientro in hotel ****
    Ore 21:30 Cena di Benvenuto con intrattenimento musicale

SABATO 03

LUGLIO

Da Avezzano a Oricola e Tagliacozzo

  • Ore 9:00 Partenza prima autovettura da Avezzano – XFuel con prove di Abilità
    Ore 11:00 Carsoli – sosta cafè – Rifornimento autovetture (20 minuti) (Km 64)
    Ore 12:00 Arrivo a Tagliacozzo – Pranzo (Km 34)
    Ore 15:00 Teatro Talia, saluto delle autorità locali – Concerto del Tenore Aleandro
    Mariani a cura dell’Amministrazione Comunale.
    Ore 16:30 Partenza prima autovettura da Tagliacozzo, con inversione dei numeri
    di gara.
    Ore 16:45 Verrecchie di Tagliacozzo – Prove di abilità
    Ore 17:30. Rievocazione del Trofeo Micangeli, Valico del Salviano
    Ore 18:00 Arrivo ad Avezzano – Esposizione Autovetture in Piazza Torlonia e
    rientro in hotel su autobus storici della Di Fonzo SpA (Km 34)
    Ore 19:30 Cena in hotel
    Ore 21:00 Trasferimento Piazza Torlonia
    Ore 21:30 Concorso di eleganza dinamico Coppa Di Lorenzo “Circuito di Avezzano”, partenza primo gruppo di autovetture.

DOMENICA 04

LUGLIO

Avezzano

  • Ore 10:00 Premiazioni Castello Orsini – Colonna – Avezzano
  • Ore 11:00 Fine della manifestazione

MAPPE E PERCORSI

Venerdì 02 Luglio

L’antica via Tiburtina Valeria

La via Tiburtina Valeria sorse come antichissima via di transumanza tra l’Appennino centrale e la valle del Tevere, e costituì il principale percorso di penetrazione nel territorio degli Equi da parte dei Romani, che vi fondarono le colonie di Carsoli e Alba Fucens nel 304-303 a.C.

Ripercorreremo con le nostre auto d’epoca il tracciato che collegava Roma a Pescara. Un’arteria sistemata e pavimentata dal console Marco Valerio Massimo Potito attorno al 286 a.C., mantenendo la denominazione di via Tiburtina da Roma a Tibur e assumendo quella di via Valeria, dal nome del suo costruttore, fino a Corfinium, dopo aver attraversato la Marsica.
Proprio da Alba Fucens partirà il 9° circuito di Avezzano con la possibilità per i partecipanti di visitare le rovine della importante città romana.

Alba Fucens fu fondata da Roma come colonia di diritto latino nel 304 a.C., nel territorio degli Equi, a ridosso di quello occupato dai Marsi, in una posizione geografica strategica. Si sviluppava su una collina appena a nord della via Tiburtina Valeria. Inizialmente fu popolata da 6000 coloni che edificarono, negli anni immediatamente successivi al proprio stanziamento, una prima cinta muraria ancora visibile. Si trasformò successivamente in un posto dove confinare importanti prigionieri di stato, come Siface re di Numidia, Perseo re di Macedonia.

La sua prosperità, nel periodo imperiale, è testimoniata dalle iscrizioni trovate. Fra queste se ne segnala una di particolare importanza relativa al destino del vicino alveo del Fucino, emerso a seguito del primo prosciugamento del lago effettuato nel I secolo per volontà dall’imperatore Claudio.

Alba Fucens, start del IX°Circuito di Avezzano

Città di antiche ricchezze

Sono numerose le abitazioni appartenenti al patriziato locale, fra cui una villa nota come domus. Numerosi erano anche gli edifici religiosi sia nel centro urbano, come il tempio di Iside e il sacrario di Ercole, che sulla collina situata all’estremità occidentale dell’abitato.

È un evento poliedrico, il Circuito di Avezzano. Ci sono le passeggiate in scenari di montagna unici che riserbano ancora il piacere della scoperta. Ci sono le prove cronometrate, i momenti di convivialità, i castelli e i micro paesetti della Marsica da conoscere. E c’è l’adrenalina di un circuito cittadino rievocato sulla scia di una passione locale per le corse che affonda le sue radici negli anni Cinquanta.
Laura Ferriccioli
Ruoteclassiche

Aielli e le meraviglie di Borgo Universo

Aielli è entrato a far parte dei Borghi autentici d’Italia ed è situato nel cuore della Marsica a quota 1021 sul livello del mare. È indubbiamente uno dei paesi più alti del bacino fucense, e dall’alto della sua torre cilindrica si può osservare l’intera piana contornata dai monti dei parchi naturali regionali e del Parco Nazionale d’Abruzzo, con scorci suggestivi soprattutto in direzione dei monti del Sirente e della Serra di Celano, monti che sovrastano il nucleo storico. Il paese antico è adagiato su uno sperone roccioso calcareo ed è circondato, sia ad est che ad ovest, da due torrenti. La sua posizione dominante e strategica ne ha fatto

in epoca romana e medievale un luogo particolarmente idoneo per la difesa del territorio e l’osservazione delle vie di comunicazione. La torre medievale fu eretta nel 1356 da Ruggero II conte dei Marsi. Divenuta dal 2002 sede di un osservatorio astronomico, ospita dal 2019 il museo della Luna. È detta anche “Torre delle Stelle” Nella torre è ospitato il museo astronomico dedicato alla Luna. Aielli è celebre per i Murales, realizzati da artisti di street art di tutto il mondo che hanno rivitalizzato il borgo antico, trasformandolo in un’attrazione turistica conosciuta in Italia e all’estero.

Ogni murale è un’esperienza da vivere e una storia da raccontare. Uno spettacolo straordinario da ammirare durante la manifestazione.

EDIZIONE 2021 IN NUMERI

0
I Km del primo giorno

Dall’anfiteatro romano di Alba Fucens ad Avezzano, base logistica dell’evento

0
I Km del secondo giorno

Da Avezzano ad Oricola e ritorno, lungo l’antica via Tiburtina Valeria

0
I Km totali

Un weekend di passione automobilistica ed amicizia, nel verde intenso d’Abruzzo

Entusiasta la gente, contenti gli amministratori, felici i concorrenti. Il Circuito di Avezzano continua a migliorarsi; e dire che stiamo parlando di una manifestazione già eccellente in passato, premiata ripetutamente con la Manovella d’Oro ASI. Ma qual è il segreto di questo appuntamento al quale un centinaio di appassionati di auto storiche non vuole assolutamente mancare?
Roberto Chiodi
La Repubblica

Sabato 03 Luglio

Porta d'ingresso della Via Tiburtina Valeria in Abruzzo

Sabato 3 luglio partenza da Avezzano ed arrivo a Oricola, la porta d’ingresso della Via Tiburtina Valeria in Abruzzo
Situata in posizione dominante sulla piana del Cavaliere a quota 810 metri m s.l.m., Oricola segna il confine geografico tra l’Abruzzo marsicano e l’alta valle dell’Aniene, nel Lazio. Il nucleo urbano antico è dominato dalla rocca costruita nel IX secolo per volere dei conti dei Marsi, che vollero una fortezza quadrata, con mura possenti, bastioni e punti di osservazione nei quattro torrioni. Il castello fu costruito, infatti, per difendere gli abitanti del luogo dalle invasioni saracene ed ungare che caratterizzarono per lungo tempo il medioevo.

Un'occasione unica per scoprire il Parco Nazionale d’Abruzzo e vivere l'esperienza del circuito cittadino in notturna di 2,2 km.
Savina Confaloni
Corriere della Sera

Il fascino di Tagliacozzo

Il vecchio tracciato dell’antica arteria romana

Una delle strade più suggestive d’Abruzzo, costeggia Colli di Monte Bove e attraversa il piccolo borgo di Roccacerro, a 5 chilometri dal capoluogo Tagliacozzo, che si estende su un dorsale montano a 1138 metri di altitudine, dominato nella parte più alta dalla chiesa di Santa Maria degli Angeli con vista sul valico di Monte Bove e sulla Marsia.


Tagliacozzo è un incantesimo, una “città magica” nel cuore degli Appennini. Tutta la sua storia può essere vissuta attraverso i suoi luoghi. I palazzi, le chiese, i vicoli, le antiche strade costituiscono un concentrato di tradizioni e tipicità. Nel 1268 fu teatro della famosa Battaglia di Tagliacozzo, tra Corradino di Svevia e Carlo d’Angiò; essa segnò il destino d’Europa in favore degli Angioini sugli Svevi, favorendo ancora per secoli il potere temporale del Papa.
Fu vinta con uno stratagemma ideato da Alardo di Valery che sgominò le truppe avversarie, ormai sicure della vittoria e senza più difese, giungendo alle loro spalle di nascosto. Dante ricorda tale battaglia nel XXVIII canto dell’Inferno.

Uno dei borghi più belli d'Italia

Il circuito cittadino in notturna

Il centro storico di Avezzano per una notte si trasforma e diventa il palcoscenico di un evento unico. Il momento più atteso dai partecipanti e dalla popolazione: il circuito cittadino.

Quindicimila persone assistono alla sfilata delle 100 auto d’epoca costruite dal 1908 fino al 1970, tutte scoperte, che sfrecciano lungo un tracciato che si snoda su due chilometri di strade chiuse alla circolazione.

La presenza di personaggi dello sport e dello spettacolo stimola la curiosità degli spettatori che, già diverse ore prima della partenza, si assiepano dietro le transenne in attesa del concerto di rombi di motore.

Il pubblico è quello delle grandi occasioni, i commercianti lasciano le vetrine accese in segno di collaborazione, i driver passeggiano amabilmente nel centro della città affollando i bar per un aperitivo.
La capiente piazza Risorgimento è colma di vetture, sapientemente disposte per farsi ammirare.
L’drenalina monta, i motori si scaldano.

Ecco che arrivano le 21.30: un’intera città esplode di suoni, fascino, colori, applausi!
E’ l‘emozionante culmine di un’attesa lunga un anno.

L’ultimo e più atteso atto, il Circuito in notturna nel centro storico di Avezzano, è un omaggio alla passione motoristica e culturale della famiglia Di Lorenzo. Un momento di grande aggregazione e partecipazione popolare.
Laura Ciarallo
Autocapital
C’è un mondo da scoprire, nel cuore verde dell’Italia. E non poteva esserci modo più glamour e culturale insieme, per farlo. Dal 2014 una parte importante del circuito si corre in notturna, in un’atmosfera suggestiva: il centro storico di Avezzano viene chiuso per l’occasione.
Teresa Scarale
We Wealth

Con il patrocinio del